Cacciamo l’Inverno con la Scasada dol Zenerù

Ardesio, la Scasada dol Zeneru

Giovedì 31 gennaio 2013 dalle 19:45 a Ardesio, la Pro Loco di Ardesio ripropone la “Scasada del Zenerù” importante manifestazione ormai consolidata nella tradizione del paese.

Anche quest’anno si presenta come uno degli eventi invernali più attesi dagli abitanti dell’Alta Valseriana e non solo, che il 31 gennaio – appuntamento astronomico che dà il via ai giorni della merla, considerata fin dall’antichità cerniera tra inverno e primavera- si riuniscono ad Ardesio per “scacciare” l’inverno, facendo un gran baccano con campanacci, tole, padelle e tutto ciò con cui si può far rumore, in un corteo per le vie del paese che segue il famoso fantoccio, il quale, ogni anno con sembianze diverse, rappresenta la fredda stagione, che verrà simbolicamente cacciata bruciando attraverso un meraviglioso e suggestivo falò. Tema di quest’anno il Drago di San Giorgio, Zenerù proverà a sfuggirci scappando sul drago ma lo spaventeremo, lo cattureremo e lo manderemo al rogo!

Quest’anno il Comitato Organizzativo organizza il 31 gennaio presso la Scuola Primaria di Ardesio dalle ore 9:00 il convegno interalpino in videoconferenza dal titolo CACCIAR GENNAIO. Suoni e riti propiziatori in arco alpino; coordina il prof Giovanni Mocchi. Oltre ai giovanissimi studenti della Scuola Primaria di Ardesio, saranno in collegamento i paesi dell’arco alpino che cacciano gennaio la sera del 31: Gruppo Zenerù di Camparada (MI), la Scuola primaria di Plesio (CO), la Proloco di Saviore (BS), le Scuole Primarie di Olda – Taleggio (BG), Tirano (SO), Bormio (SO) e Abbadia lariana (LC). Un’iniziativa che vede i protagonisti dei riti di cacciata d’inverno confrontarsi attraverso una video conferenza (hangout di google, visibile in diretta live sul canale youtube della Pro Loco: youtube/user/ProLocoArdesio), durante la quale saranno presentate relazioni delle scolaresche, Proloco ed Ecomusei ed interverrà il gruppo ospite dell’edizione 2013 S’Urzu e Su Pimpirimponi di Sadali, Sardegna, una maschera demoniaca tradizionale adorna di campanacci, corna e pelli. Il convegno, che avrà come esito un DVD di documentazione vuole trasmettere la rilevanza culturale e lo spessore storico di ciò che in ciascun paese pare soltanto un evento locale. Come diceva un anziano di Ardesio “i ragazzi fanno baccano e gli anziani raccontano loro il senso della tradizione”.

In attesa del 31 gennaio domenica 27 vi sarà “Aspettando la Scasada”, giornata dedicata interamente ai bambini, che potranno partecipare anche loro a questo rito. Ritrovo alle 14.00 in Oratorio ad Ardesio. In attesa di partire per la sfilata, i bambini potranno assistere allo spettacolo di Maga Othelmaeluoise in “Magadrago”, fachirismo e mangiafuoco! Magadrago mangerà e sprigionerà fuoco dalla sua bocca, lambirà col fuoco la sua pelle e creerà cerchi di fuoco, come un vero e proprio drago! La Direzione Artistica dello spettacolo è a cura dell’Associazione Culturale Impronte Creative di Gallarate(VA). Alle 16.30 i bambini, partendo dall’Oratorio, faranno una piccola sfilata anche loro con campanacci, pentole, ecc. e accompagneranno il loro piccolo fantoccio (una miniatura che anticipa la vera festa del 31 gennaio) che sarà poi bruciato, anticipando il rogo con una fantastica merenda.

Appuntamento poi per il vero spettacolo che la notte del 31 gennaio trasforma Ardesio in un fantastico intreccio di magia e spiritualità: la “Scasada del Zenerù”. Ritrovo alle 19.45 di giovedì 31 gennaio presso il piazzale Ponte Rino per la partenza del corteo, lasciandoci impressionare da quello che la notte Ardesiana saprà sicuramente regalare!!! Parteciperà alla sfilata il gruppo ospite che quest’anno è italiano: S’Urtzu e Su Pimpirimponi da Sadali, Sardegna che porterà una testimonianza della loro tradizione a Ardesio, cacciando e salutando insieme a noi il freddo inverno fino al prossimo anno. Al termine del corteo vi sarà il tradizionale falò del Zenerù de Ardes che si spera porti con sé la cattiva stagione e che sia di buon auspicio per l’arrivo immediato della primavera.

Si ringraziano il gruppo Amici del Zenerù e i Campanacci dell’Alta Valle Seriana.

Info: www.prolocoardesio.it

Evento organizzato da:
Pro Loco Ardesio

Con il patrocinio di:
– Comune di Ardesio
– Provincia di Bergamo – Assessorato alle Politiche Montane
– Camera di Commercio di Bergamo
– Parco delle Orobie Bergamasche
– Comunità Montana Valle Seriana

Video Conferenza CACCIAR GENNAIO. Suoni e riti propiziatori in arco alpino
Ardesio, Scuole Primarie, 31 gennaio ore 9.00
Live-Cast: youtube/user/ProLocoArdesio

Coordina Prof. Giovanni Mocchi

In colegamento:
Scuola primaria di Ardesio (BG) ‘Scasada del Zenerù’
Gruppo Zenerù di Camparada (MI) Una migrazione del ‘Zenerù’
Scuola primaria di Plesio (CO) ‘Giunèe’
Proloco di Saviore (BS) ‘Fò sìner, tor fabrer’
Scuola primaria di Olda – Taleggio (BG) ‘L’è fò gener, l’è sa fevrer’
Scuola primaria di Tirano (SO) ‘Tirà li toli’
Scuola primaria di Bormio (SO) Il ‘Geneiron’
Scuola primaria di Abbadia lariana (LC) ’Ginèe’

Per informazioni:
Pro Loco Ardesio
Tel./Fax: 0346/33289
www.prolocoardesio.it
info@prolocoardesio.it

lascia un commento