La capra Sissi e il becco Abramo incoronati Regina e Re della 21a Fiera delle Capre tra migliaia di visitatori

Ardesio, Fiera delle Capre 2020: Regina e Re della fiera
Sissi e Abramo: Regina e Re della 21esima Fiera delle Capre di Ardesio

La capra Sissi e il becco Abramo sono stati eletti questa mattina (domenica 9 febbraio 2020) Regina e Re della 21esima Fiera delle Capre di Ardesio, organizzata dalla Pro Loco con la collaborazione dell’amministrazione comunale e di numerosi volontari. 

Un’edizione in cui trionfa tra gli applausi del pubblico una coppia tutta bergamasca: seriana la capra Sissi (3 anni) dei Fratelli Chioda di Valgoglio e scalvino il becco Abramo (2 anni) di Paola Cumini di Schilpario scelti attentamente tra i migliori esemplari presenti in fiera e selezionati dal giudice Stefano Giovenzana. Record per la Fiera che ha richiamato in Alta Valle Seriana migliaia di visitatori. 

In migliaia alla Fiera delle Capre

“Siamo veramente molto soddisfatti – ha affermato il presidente della Pro Loco Simone Bonetti che fra due settimane (il 17 febbraio) passerà il testimone ad un nuovo direttivo e un nuovo presidente – si chiude nel migliore dei modi il nostro mandato con due eventi, Zenerù e Fiera delle Capre, parte della nostra tradizione e che hanno ancora una volta conquistato migliaia di persone. Tanti gli allevatori presenti con un cospicuo numero di capre e asini, numerose le persone che hanno raggiunto Ardesio oggi e una fiera ricca di appuntamenti per grandi e piccini. Alla giornata di oggi si aggiunge il convegno di ieri sera, come sempre molto interessante. Lasciamo con l’auspicio che questi appuntamenti, importanti per la promozione del nostro territorio, possano continuare a crescere”. 

Premiati gli allevatori delle capre:

  • i due più lontani: Nicolas Veneziani di Collio – Bs (114 km) e Giuseppe Villani di Laino – Bs (98km);
  • più anziano: Giuseppe Filisetti, classe 1944, di Ardesio;
  • ardesiano con più capi: Luigi Bergamini con 18 capi;
  • allevatore ospite con più capi: Fratelli Chioda con 23 capi;
  • allevatrice con più capi: Simona Gheza di Borno (BS) con 15 capi;

Premiati gli allevatori di asini:

  • più lontano: Davide Bergamini da Bergamo;
  • più giovane: Luca Fucili, classe 2001 di Cene;
  • più anziano: Mario Zanoletti, classe 1948 di Ardesio;
  • con più capi: Giuseppe Fornoni, di Ardesio, con 3 asini. 
Le selezioni del concorso caprino

Regina e Re sono stati incoronati con i campanacci offerti dall’Associazione Manifestazioni Agricole e Zootecniche di Serina e hanno ricevuto targhe dall’organizzazione e dalla Comunità Montana Valle Seriana; per gli allevatori della Regina un assegno di 200 euro e una pergamena dalla BCC Bergamo e Valli che ha anche dato un contributo alla Pro Loco. 

Tanti gli animali che si potevano ammirare alla manifestazione, oltre alle grandi protagoniste, le capre, che erano oltre 170 in concorso presentate da 23 aziende provenienti dalla Valle Brembana, Valle di Scalve, Valle Camonica, dai paesi dell’Alto Serio, dalla Bassa bergamasca e bresciana, erano 19 gli asini per 13 aziende presenti e poi i numerosi pony, alcuni cammelli, e molti altri animali della fattoria didattica dell’azienda agricola Rocco di Crema. Circa 70 gli stand presenti nel centro storico ardesiano che hanno proposto prodotti agricoli, attrezzature a abbigliamento di settore. Tra gli appuntamenti la dimostrazione di mungitura e di caseificazione grazie al progetto P.A.N.: “Il ritorno della pecora da latte” presentato dall’Associazione Grani Asta del Serio con il “Festival del Pastoralismo”. Tra gli eventi proposti molto partecipati i concerti de “Gli Amis de L’Osteria” e di Massimo Giuntini, ex componente dei Modena City Ramblers.

Tra le autorità presenti: il consigliere regionale Roberto Anelli, il presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli, il presidente della Comunità montana Valle Seriana Giampiero Calegari, i presidenti Gal Valle Seriana e Laghi Bergamaschi, Valle Brembana e dei Colli di Bergamo ovvero Alex Borlini, Lucia Morali e Mario Castelli, oltre al sindaco di Ardesio Yvan Caccia e ad altri amministratori del territorio. 

Gli asinelli alla fiera